CONDIVIDI

Va e va alla grande il Pescara Pallanuoto di serie B maschile. Ottava giornata di campionato: una sconfitta in trasferta a un secondo dalla fine, sei vittorie e un pareggio nello scontro diretto per il vertice contro la Cesport. Finora il bilancio è molto buono per la squadra allenata da Checcho Mammarella, che nell’ottavo turno è andato a vincere al Foro Italico contro la Lazio con il punteggio eloquente di 9-5.
Coach Mammarella non nasconde la soddisfazione: “Temevo molto la trasferta contro la Lazio, invece devo fare i complimenti alla mia squadra per aver interpretato nel migliore dei modi la gara. I ragazzi sono stati maturi, hanno giocato da grandi e non si sono lasciati condizionare da una settimana trascorsa con molti infortuni e influenzati. Bene così, siamo in ballo per il vertice della classifica e vogliamo ballare fino in fondo. E adesso dobbiamo ancora essere più bravi, perché il calendario ci propone quattro scontri casalinghi (derby compreso, anche se il Pescara lo disputerà in “trasferta”, ndc.) da non fallire”.
Prova di maturità da parte di tutti, quindi, con un Carlo di Fulvio sontuoso (5 centri personali) e reti di Di Nardo (2), Ruscitti e D’Amario.
Il Pescara ha guidato fin dall’avvio e poi ha incrementato con continuità, sintetizzando con i numeri: 4-2, 1-1, 2-1, 2-1.
Prossimo impegno sabato prossimo al Pala-Pallanuoto di Pescara contro il San Mauro Nuoto alle ore 17.30.
Ferma invece la serie A1 femminile, ma anche in questo caso l’ambiente è rinvigorito dal bel successo ottenuto sabato scorso a Cosenza, successo che se non altro tiene viva la fiammella della speranza in chiave-salvezza. Il team di Maurizio Gobbi si giocherà una bella fetta di stagione sabato prossimo sempre al Pala-Pallanuoto con inizio alle ore 15.