L’Amatori pesca il Settebello contro Rimini! E domenica si torna c’è il derby

Settima vittoria consecutiva per Pescara, che batte 93-79 i romagnoli e si lancia al secondo posto provvisorio

0
CONDIVIDI

Settima vittoria consecutiva per Pescara, che batte 93-79 i romagnoli e si lancia al secondo posto provvisorio, in attesa che si completi questo turno di campionato spalmato tra mercoledì e giovedì.  Partita atipica per i ragazzi di Coach Salvemini, che segnano il massimo bottino stagionale ma allo stesso tempo subiscono anche parecchio, ben oltre la media. Comunque, tornare in campo dopo più di due settimane non è mai facile e l’Amatori, contro una squadra aggressiva e scattante, raccoglie un successo fondamentale; Pescara continua il filotto di vittorie e si prepara al meglio per la sfida di domenica, quando andrà a Campli per l’infuocato derby che chiuderà il girone d’andata.

Mattatore della sfida con Rimini è Simone Pepe, sempre più capocannoniere del campionato che, seppur marcatissimo, realizza 39 punti. Sugli scudi anche Pasquale Battaglia, con 19 marcature: l’esterno calabrese nel secondo tempino ha preso la squadra sulle spalle nel momento più difficile della gara, mettendone a canestro 13 in pochissimi minuti. Negli ospiti, in evidenza Luca Pesaresi, forte di uno sfavillante 5/7 dall’arco per 28 punti complessivi.

Con Rajola precauzionalmente a riposo, Coach Salvemini inserisce per la prima volta in quintetto il giovanissimo Luca Guerra, playmaker classe 1999. L’inizio della gara vede prevalere entrambi gli attacchi sulle rispettive difese, con l’Amatori a sfruttare subito il tiro da tre punti e Rimini a mettere in mostra le sue caratteristiche azioni brevi. Il primo vero affondo lo sigla l’Amatori, brava a monetizzare un fallo antisportivo subito da Emidio Di Donato, segnando i liberi e trasformando in oro l’azione successiva (20-14). Il coach riminese chiama presto time out, ma la difesa biancorossa ora ha preso le misure agli ospiti e continua ad attaccare il ferro con regolarità.

In questo modo, l’Amatori trova subito un vantaggio di undici punti, per il 27-16 con cui le squadre terminano il primo quarto.

Il secondo tempino inizia con Pelliccione confermato in quintetto, con Capitanelli fuori perchè carico di falli già dai primissimi minuti del precedente quarto. I giocatori pescaresi continuano a contenere le incursioni degli avversari, ma non segnano più come prima e soprattutto concedono troppo al tiro dall’arco di Luca Pesaresi, che prima rompe il digiuno ospite e poi continua a pungere con le sue triple. Coach Salvemini fiuta l’aria e ferma il gioco, ma l’esterno di Rimini continua a segnare e riesce a portare anche in vantaggio i suoi (28-31). Questo black-out però non scoraggia Pescara che, appoggiandosi sulle spalle di Pasquale Battaglia, si riporta in vantaggio ed allunga nuovamente (42-36, 45-36). Tredici punti in un amen per l’esterno calabrese, che manda i suoi nello spogliatoio sul 45-38 infiammando il Palaelettra.

Nel terzo quarto, l’Amatori rompe definitivamente gli argini e raggiunge il massimo vantaggio del match, superando in varie occasioni i 20 punti di scarto. Il tempino inizia con quattro punti di Pelliccione da sotto e con il bombardamento di Simone Pepe dalla linea dei tre punti. Rimini cerca di rimanere agganciata al match con Foiera a fare a spallate sotto le plance, ma l’ennesima bomba di Pepe lancia definitivamente l’Amatori (60-43).  Una super stoppata di Di Donato conferma che sotto canestro ormai Rimini non riesce più a pungere e il solito Pepe segna in campo aperto. Un’altra tripla di Pesaresi riduce lo svantaggio, ma ormai  lo scarto sembra avere proporzioni larghissime. Qualche contatto di troppo e qualche fischio non limpidissimo scaldano gli animi da entrambe le parti e si scalda anche il palazzetto.

L’eccessivo nervosismo riminese è in realtà figlio di una squadra che non ha intenzione di mollare nonostante lo svantaggio; così, in apertura di ultimo quarto, gli ospiti sfruttano un calo di concentrazione dei padroni di casa e piazzano un parziale di nove a zero, riaprendo improvvisamente un match apparentemente chiuso.  Il black out dell’Amatori i viene fermato dal solito Pepe, ma i pescaresi ora faticano nuovamente a limitare gli ospiti, lasciando troppa libertà al tiro ai principali giocatori romagnoli. Allo stesso tempo, però, Pescara con regolarità il canestro, soprattutto con gli efficacissimi attacchi al ferro di Andrea Grosso, bravo a sfruttare la pesante marcatura sui suoi compagni incuneandosi di continuo nel pitturato. Ora si segna in entrambi i canestri, finché qualche palla persa dei biancorossi riporta gli ospiti addirittura a meno sette, anche se con poco tempo sul cronometro. Una stoppata di Pelliccione sull’ennesimo tiro da tre ospite spegne definitivamente le velleità di Rimini. Lo stesso lungo pescarese si presenta sulla lunetta e chiude virtualmente il match. Prima della sirena, ulteriori punti di Simone Pepe, che riempie il suo bottino prima appoggiando al canestro e poi mettendo la sesta tripla della sua gara.

Coach Salvemini ci ha spiegato che: “Rimini è una squadra difficile, scorbutica, non facile da affrontare. Giocare oggi dopo aver disputato l’ultima gara il 18 dicembre non è semplice: è praticamente una prima giornata di campionato! In questi casi le partite sono aperte ed è possibile perdere un pochino di continuità. Abbiamo subito due break pesanti, che non siamo soliti prendere, soprattutto quando si tratta di chiudere definitivamente la partita. Subire 79 punti in casa nostra è una nota stonata, che dovremo mettere a posto immediatamente se vogliamo consolidare il nostro processo di crescita“.

Amatori Pescara-Basket Rimini Crabs  93-79  (27-16;  45-38; 72-53)

Amatori PescaraPelliccione 10, Pepe 39, Rajola ne, Battaglia 19, Grosso 13, Di Donato 8, Guerra, Bini, Capitanelli 4, Tagliamontene.

Allenatore: Giorgio Salvemini.

Tiri dal campo 35/65 ( 53,8%), tiri da due punti: 22/31 (71%), tiri da tre punti 13/34 (38%), tiri liberi 10/13 (77%). Rimbalzi 35.

Basket Rimini Crabs: Meluzzi 11, SIgnorini, Pesaresi 28, Altavilla 3, Toniato 1, Busetto 4, Battistini 24, Tiberti, Aglio 5, Foiera 3.

Allenatore: Andrea Maghelli.

Tiri dal campo 28/69 (41%), tiri da due punti: 19/47 (40%), tiri da tre punti 9/22 (40%), tiri liberi 14/22 (64%). Rimbalzi 37.

Arbitri:  Giovanni Roca e Adriano Fiore