CONDIVIDI

Si svolgerà da 3 al 6 gennaio prossimo il secondo Torneo Nazionale “Città di Pescara”, che radunerà un vero e proprio battaglione di squadre under 14 che giocheranno su cinque campi di calcio della città. Oggi la presentazione dell’evento patrocinato dall’Assessorato allo Sport e promosso dalla Event Sport.

 

“Sarà una bella manifestazione – dice Adamo Scurti, presidente della Commissione Consiliare Sport – è un torneo che ha l’ambizione di diventare uno dei più importanti a livello nazionale dopo Viareggio. Avremo in città 24 società per il torneo under 14 che si giocherà in cinque campi diversi dal 3 al 6 gennaio. Apriremo le porte ai ragazzi al campo del Donati, al Flacco, Gesuiti, Zanni e San Marco.  Come tutte le iniziative che fanno solidarietà, avremo anche l’Avis come sponsor, per stimolare i giovani alla donazione del sangue e rimarcare l’importanza del sodalizio salute e sport”.

“Ringrazio gli organizzatori che hanno scelto Pescara per svolgere questa manifestazione, perché la nostra è una città dove c’è un grande fermento sportivo accentuato anche dalla presenza del Pescara in A – aggiunge l’assessore allo Sport Giuliano Diodati –  Ringrazio anche il settore impianti sportivi del Comune che ha reso possibile la messa a disposizione di tutti gli impianti di cui la città è dotata, con la speranza che questo evento cresca ancora e sui nostri campi possa essere scoperta anche qualche nuova star del calcio nazionale e internazionale”.

“Pescara città del benessere, che coltiva una storica vocazione allo sport – dice il sindaco Marco Alessandrini – con la speranza che anche la nostra città possa offrire ancora più forze a questo settore della vita di comunità. Il calcio, il nuoto, il tennis, tante sono le discipline che ci vedono rappresentati, l’invito è quello di godersi l’incontro ravvicinato con questa compagine che animerà il torneo Ci vediamo sul campo per giocare questi tre giorni pieni di sport”.

“Ringrazio l’Amministrazione comunale per aver creduto nell’evento – Antonio Stefano Marzio presidente della Sport Event – Parliamo di una manifestazione che mette insieme sport, turismo, ma anche tecnica. Quando ho conosciuto Pescara ho subito visto i vantaggi della sua posizione geografica, dell’accessibilità. In Italia non ci sono città che hanno a disposizione 5 campi di calcio in erba sintetica, tenuti bene e praticabili per eventi simili. Da ex arbitro e talent scout posso dire che Pescara può giocare un suo ruolo da protagonista in questo settore. Per questo abbiamo coinvolto società come Juve e Lazio, stiamo cercando di portare qui tutte le società calcistiche professioniste, ci sarà anche il Pescara e ci saranno anche le accademie di formazione sportiva. Abbiamo coinvolto 7 regioni, ben 600 ragazzi da tutta la penisola, con più di 1.000 addetti ai lavori e in questi cinque giorni ci saranno ospiti  in più in città per l’evento fatto di calcio ma con un grande indotto anche sulla città”